CAPITOLO 1: “La ricetta. Caratteristiche e tendenze per il futuro”

Dopo mesi di lavoro e ricerca, ecco finalmente il mio nuovo libro “In viaggio per cibo e vino. Opportunità di un nuovo turismo integrato”. Qui di seguito troverete il primo capitolo, dedicato al tema del turismo enogastronomico.

ricetta 2

Il turismo enogastronomico è oggi un segmento in forte crescita e una pratica sempre più apprezzata e ricercata dai turisti italiani e stranieri. Il suo successo è legato alla capacità di suscitare emozioni: le esperienze enogastronomiche non solo offrono la possibilità di conoscere e provare il cibo e il vino del territorio che si visita, cosa comunque sempre gradita dal turista, ma sono un modo di sperimentare la cultura locale, di “vivere” il luogo e non solo di visitarlo.

Non dobbiamo però dimenticare come questo successo sia da inserire in un contesto più ampio di cambiamenti sociali e culturali. Pensiamo a quanto oggi il cibo sia diventato un elemento pervasivo della nostra vita, molti di più di quanto lo era in passato: tutti ne parlano, molti si appassionano, alcuni addirittura non possono farne a meno, come i foodies. Ma il cibo ha assunto anche un nuovo ruolo: da prodotto è diventato patrimonio culturale. Tutti noi oggi riconosciamo quanto questo sia l’espressione di un territorio, delle persone che vi vivono, e quindi conservarlo e valorizzarlo significa anche contribuire a preservare le nostre tradizioni e la nostra identità.

Le destinazioni che investono nel turismo enogastronomico hanno la possibilità di diversificare e ampliare la propria offerta, creando proposte fruibili da una pluralità di persone in tutti i periodi dell’anno. Inoltre, coinvolgendo sia operatori del settore turistico che agro-alimentare, può produrre benefici diffusi e stimolare processi di innovazione che, alla lunga, aumentano la competitività del territorio e generano nuove opportunità di business (e, quindi, nuovi posti di lavoro).

Fondamentale, a tal fine, è dotarsi di una governance forte. Trovare quindi obiettivi comuni, dotarsi di modalità di lavoro chiare e ben definite, pianificare le attività nel breve e medio periodo, coinvolgere tutti gli attori e comunicare efficacemente sia all’interno che all’esterno. Così facendo si creano le basi per un successo duraturo.

Ma ciò non basta. Dobbiamo iniziare cercando di conoscere il meglio possibile i turisti che vengono sul nostro territorio, cosa offriamo e possiamo offrire loro e anche cosa stanno facendo i nostri competitor. Così facendo possiamo creare una pluralità esperienze in grado di soddisfare i bisogni dei nostri turisti.

Approfondisci il tema scaricando il capitolo