Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano 2021

Il Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano è lo studio più importante sul settore, offrendone un quadro completo e rigoroso. È un documento di riferimento per le istituzioni e gli operatori a livello nazionale, regionale e locale e fornisce informazioni per supportare le decisioni di politica turistica e sviluppare proposte in grado di soddisfare le esigenze del turista contemporaneo.

L’edizione 2021 è composta da due volumi, ognuno dei quali assolve a specifiche esigenze di approfondimento.

Volume I: “Trend e Tendenze”

Il primo volume si focalizza su alcuni temi principali che inquadrano il settore del turismo enogastronomico, attraverso la presentazione anche di contributi di esperti esterni. Questa sezione è indirizzata a chi intende avere un quadro generale e complessivo del settore, attraverso la lettura ed interpretazione dei principali dati.

Si suddivide in tre sezioni:

  1. “Trend e tendenze” fornisce una visione di medio periodo sul turismo enogastronomico, grazie ad un attento lavoro di analisi qualitativa, comparazione di letteratura e studio di best practice. Cinque sono i temi chiavi qui affrontati: il gusto del valore; l’enogastroturista attivo innovativo ed esigente; il “neverending food tourism”; il well-being; lo sviluppo di “nuovi luoghi e nuovi spazi.
  2. “Focus” vede specifici approfondimenti da parte di esperti internazionali e nazionali del settore. Dai trend di consumo nell’era post-pandemica secondo ai nuovi modelli di business per la piccola impresa enogastronomica, dai legami tra turismo e DOP economy al “beerscape”. Affondi specifici che sono stati curati da Carlos Fernandes, Greg Richards, Marcantonio Ruisi e Mauro Rosati.
  3. “Accade intorno a noi” restituisce una panoramica del turismo enogastronomico nell’era pandemica nei Paesi stranieri quali Canada, Giappone, Catalunya, Tailandia, Stati Uniti d’America e Scozia. Questa sezione è stata realizzata grazie alla collaborazione della Word Food Travel Association.

I dati sono aggiornati al 2021.

Il documento è scaricabile gratuitamente.

CONSULTA LA SCHEDA TECNICA E SCARICA IL PDF

Volume II: “La Domanda Italiana”

Il secondo volume descrive in modo dettagliato, riportando dati statistici relativi al profilo del turista (italiano ed enogastronomico), il comportamento in viaggio, le scelte effettuate e le esperienze svolte. Contiene inoltre affondi specifici su temi di attualità quali sostenibilità, well-being e bike & gusto.
Questa sezione è indirizzata a chi intende avere un quadro approfondito per indirizzare politiche e progetti connessi. Si rivolge dunque a tutti gli operatori della filiera (cantine, tour operator, DMO, consorzi e regioni, professionisti ed operatori turistici) che hanno come bacino d’utenza il target italiano.

I dati sono aggiornati al 2021.

CONSULTA LA SCHEDA TECNICA

Volume III: “La Domanda Internazionale | Food Travel Monitor”

La sezione propone un approfondimento rispetto al comportamento del turista enogastronomico e leisure nei seguenti paesi: Francia, Regno Unito, USA, Cina, Canada, Messico.

Il volume è indicato per cantine, tour operator, DMO, consorzi e regioni, professionisti ed operatori turistici che hanno come bacino d’utenza o target i turisti enogastronomici internazionali.

I dati sono aggiornati al 2020.

Il documento è proposto corrispondendo una quota pari a $995.00 per una licenza singola e $2,495.00 per una licenza multipla.

La ricerca viene distribuita direttamente dalla World Food Travel Association.

CONSULTA LA SCHEDA TECNICA

Volume IV: “L’offerta in Italia”

La sezione propone dati statistici aggiornati sulla consistenza e la competitività dell’offerta eno-gastro-turistica italiana ed informazioni rispetto al posizionamento delle regioni italiane.

E’ di particolare interesse per gli operatori a diverso livello, sia pubblici che privati, che vogliono avere dati sulla consistenza del settore in Italia. Si rivolge in particolare a DMO, regioni ed enti di sviluppo e promozione del territorio.

I dati sono aggiornati al 2020.

Per maggiori informazioni o richieste per diventare sostenitori, invia un’e-mail a info@associazioneitalianaturismoenogastronomico.it

Tutti i volumi sono distribuiti in formato digitale.

Giornate di Formazione

Il modo più efficace per trasmettere ai tuoi collaboratori, agli operatori del tuo territorio questi contenuti è organizzare un momento pubblico di diffusione. Possiamo concordare la presenza a conferenze o eventi, ma ancora meglio organizzare una giornata di formazione in cui vengono illustrati i contenuti del Rapporto, i trend e le tendenze in Italia e nel mondo, con un costruttivo approfondimento sulle esperienze.

VISITA LA SEZIONE FORMAZIONE

Perché il Rapporto Sul Turismo Enogastronomico?

  • Per sviluppare prodotti migliori e in linea con la domanda.

Attraverso i dati potrete scoprire da cosa viene principalmente attratto chi viaggia per cibo e per vino (visite in cantina od eventi, ristoranti gourmet o locali, etc.): questo vi aiuterà a fidelizzare i vostri clienti e ad attrarre nuovi potenziali visitatori.

  • Per attivare operazioni di marketing in modo più efficiente.

Avendo acquisito nuove conoscenze riguardo ai comportamenti, alle attitudini, alle preferenze, alle motivazioni, al potere di spesa si può agire in modo più strategico e preciso.

  • Per avere un quadro aggiornato non solo italiano, ma anche internazionale.
  • Per conoscere i nuovi trend e tendenze del settore.

Grazie ai contributi di esperti del mondo accademico e dell’industria del turismo e ad un focus sulle best practices internazionali, avrete accesso ad un’analisi approfondita ed esaustiva dei trend, essenziale per rimanere aggiornati e per avere un riscontro effettivo di cosa può funzionare bene in questo settore.

Il Rapporto è particolarmente indicato per le aziende food&wine con un approccio di marketing, consorzi, destinazioni e regioni. Consultandolo, otterrete i dati di cui avete bisogno al fine di prendere decisioni più informate e consapevoli. Ne beneficeranno la vostra strategia, la vostra crescita e il vostro modo di fare marketing.

Tutti i volumi sono distribuiti in copia digitale.

Recensioni

“Un grande lavoro di sistematizzazione delle informazioni sul settore del turismo enogastronomico. Avevamo bisogno di un punto di riferimento accademico.”

– Marcantonio Ruisi, professore ordinario dell’Università degli Studi di Palermo e delegato al coordinamento delle attività relative alla promozione di spin-off e startup innovative.

“You know that I admire the work that you are doing on gastronomy in Italy. I enjoy working with you and feel flattered when you invite me to take part in your initiatives”
“Ammiro molto il lavoro che stai facendo sul tema del turismo gastronomico in Italia. È un piacere lavorare con te e sono molto lusingato di fare parte di questa iniziativa”

 Carlos Fernandes, Professore presso l’Instituto Politécnico de Viana do Castelo – Comitato Scientifico Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano

“Many thanks for the invitation. As always, I am happy to collaborate with your important project.”
“Grazie mille per avermi invitato a partecipare. È sempre un piacere collaborare con te su questo importante progetto”
 Greg Richards, Professore presso l’Università NHTV di Breda e l’Università di Tilburg nei Paesi Bassi  –  Comitato Scientifico Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano

“Ritengo il Rapporto sul Turismo Enogastronomico uno strumento utile e incisivo, essendo al tempo stesso schematico e profondo.”
 Rossano Pazzagli, Storico, professore presso l’Università degli Studi del Molise – Contributor Rapporto sul Turismo Italiano 2018 e 2019

“Il volume del Rapporto sul Turismo Enogastronomico appare come l’opera più organica e più leggibile che finora è apparsa in Italia sull’enogastronomia, avendo come punto di partenza l’assunto che le motivazioni dei viaggiatori per le esperienze legate al cibo e al vino siano punto di incontro tra l’autenticità di un territorio e un cliente-turista desideroso di proposte genuine, partecipative e strettamente collegate alle specificità locali.”

 Emilio Becheri, Coordinatore del Rapporto sul Turismo Italiano